Perché le cose vanno male e come possiamo intervenire


Sono stato molto combattuto sullo scrivere o meno questo articolo. Penso che il tema sia di una certa importanza e, al tempo stesso, il rischio di cadere nel banale e nello scontato è molto alto.

L’idea di parlarne nasce da un mio principio di apatia e di malumori che ha caratterizzato quest’ultimo periodo (anche questi stati d’animo mi hanno tenuto lontano dalla tastiera, colpito da quel classico senso di vuoto che hanno le persone troppo piene…).

Come capita a tutti, ahinoi, si è più spesso circondati da negatività che da positività. Già, però, il fatto di voler classificare le cose in bene e male ci pone in difficoltà. D’altra parte, l’arte del giudizio è una delle nostre caratteristiche ancestrali.

La situazione peggiora nel momento in cui, oltre a pretendere di poter dare un giudizio (nemmeno fossimo degli Dei), ad essere offeso è il nostro Ego. In quel caso, beh….apriti cielo!

Chi di noi accetta l’offesa? Chi di noi è pronto ad intascare ricambiando magari con un sorriso o, addirittura, un grazie? Non credo in molti. Va però considerato che è proprio in queste situazioni che ci buttiamo in un vortice dal quale difficilmente poi riusciamo ad uscire.

Immaginate…..

Giornata terribile in ufficio. Non avete portato a casa nemmeno un obiettivo. Per giunta un collega si infuria con voi magari per una cosa che non avete seguito direttamente. Uscite per andare a casa: traffico mai visto. Arrivate tardi e il vostro/la vostra partner vi guarda storto. I figli iniziano a saltare, urlare, litigare….a un certo punto vorreste uccidere tutti, non è così? 🙂

Senza arrivare a questo drammatico finale, è probabile che ve la prenderete con i vostri figli e litigherete con il/la partner. Andrete a letto, sempre che non decidiate di dormire sul divano. La mattina dopo vi sveglierete probabilmente con umore ben peggiore di quello che vi ha dato la buonanotte la sera prima.

Andate in ufficio, già con le scatole girate e magari ve la prendete con il primo che, sventuratamente, vi capita sotto tiro. Forse sarà quella persona, a distanza di 24 ore, a litigare con qualcun altro e a dormire sul divano…

Riflettete, anzi riflettiamo, dunque sulle conseguenze di un piccolo gesto perché, per quanto piccolo e banale possa sembrare ai nostri occhi, potrebbe determinare una reazione a catena di dimensioni enormi!

Ma quindi come possiamo intervenire?

Ci ho pensato. Ci penso tuttora. So che è tutt’altro che facile e non penso di avere la bacchetta magica. Però, proprio perché ciascuno di noi è speciale, dovremmo innanzitutto dare poco ascolto al nostro Ego ferito ed offeso, perché è quella parte di noi che lavora per conseguire propri fini e fatica a piegarsi e farsi umile anche di fronte a qualcosa che potrebbe essere benefico per tutti. Ma se anche ci rimaniamo male per una frase uscita male (magari un collega che neanche lontanamente pensava di offenderci), non cadiamo nella trappola di rimuginare all’infinito su quel singolo episodio. Proviamo a pensare a quella persona nella sua globalità, accentuando, a maggior ragione, le cose belle che la caratterizzano. E se proprio pensiamo che quella persona di qualità degne di nota non ne abbia, spostiamo la nostra attenzione su altre persone, cose, progetti: tutto ciò che possa esserci utile per distrarci e non dare all’episodio più peso di quanto effettivamente merita.

Il rischio, se non lo facciamo, è di perdere, a causa di quello stupido ed insignificante episodio, molte cose belle che non riusciremmo a percepire, o comunque a goderci come meriteremmo. Ma, ancora peggio, diventeremmo anche noi la causa di altri malumori, malintesi, disagi e conflitti in quella che pensiamo una piccola e circoscritta realtà (mi riferisco ai colleghi in ufficio e ai familiari stretti) ma che, in realtà, porta nel tempo a conflitti e malumori collettivi e di ben altre dimensioni…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...