Eppure continuiamo a lamentarci…


“Trovo curioso notare come alcune persone siano straordinariamente abili a complicarsi la vita. 
E’ comunque una forma di successo, perché sono veramente bravi nel farlo! 

Negli anni ho notato che chi si “crea” problemi è in realtà un privilegiato, perché solitamente non ne ha di “veri”, oggettivi, e quindi si pre-occupa di cose che, anche solo per buonsenso, è molto probabile che non accadano mai. E infatti, il tempo passa e continuano a non accadere, ma tu ormai te ne sei già preoccupato.

Mi sfugge ancora il perché, ma la materia mi interessa.

Penso che viviamo come re. Abbiamo case calde, divani comodi, intrattenimenti a volontà, tre pasti al giorno, auto sicure e silenziose, bambini con un guardaroba personale, il diritto all’istruzione, TV satellitare, dieci paia di scarpe a testa, l’anestesia dal dentista e l’aria condizionata. Cambiamo le lenzuola tutte le settimane e ci laviamo sempre con l’acqua calda. 

Chissà se riusciamo ancora a immaginare una vita senza anche solo una di queste cose e se, casomai ci riuscissimo, penseremmo ancora di vivere vite problematiche.” (Francesco Fornaro – Sport e Life Coach)

Avrei potuto iniziare in qualsiasi modo questo articolo, ma mi è piaciuta l’idea che l’incipit fosse un post che Francesco ha pubblicato su Facebook. Un post che la dice lunga su come spesso molti di noi si sentono, su quanto non ci rendiamo conto di tutti i privilegi di cui godiamo ogni giorno, dandoli per scontati e non mostrando alcuna gratitudine.

In quanti, leggendo frasi del genere, per quanto banali possano sembrare, riescono davvero a fermarsi e porsi qualche domanda? L’esempio più calzante, vista la stagione, potrebbe essere questo:  se domattina dovessi farmi una doccia e l’acqua calda non funzionasse, io cosa farei? Credo che potrei rinunciare alla doccia…rimango senza fiato se solo devo lavarmi il viso con l’acqua fredda, figuriamoci cosa potrebbe succedermi se dovessi metterci sotto l’intero corpo!

Passiamo ad un altra stagione. Estate. Caldo umido, soffocante. Macchina parcheggiata sotto il sole. E’ l’una di pomeriggio. Faccio per azionare il climatizzatore e non funziona. Il caldo è talmente rovente che non riesco nemmeno a tenere le mani sul volante. Devo andare immediatamente dal meccanico per riparare il guasto.

Sono in ritardo. Devo avvisare a casa prima che mia moglie accenda l’acqua per la pasta e….nooooo…ho dimenticato il cellulare in ufficio!!!

Penso che questi siano sufficienti per rendere l’idea. Eppure, non ce rendiamo conto. Va detto che già due di questi tre privilegi non facevano parte della nostra vita quotidiana anche solo vent’anni fa.

Ricordo che quando Papà tornava a casa la sera, dopo una intensa giornata di lavoro, soffriva il caldo in macchina durante l’estate, mentre attraversava un’intera città nel traffico, con tutti i finestrini abbassati. Eppure è ancora vivo e vegeto e non ha subito alcun trauma.

E sempre Papà, quando tardava la sera, non aveva un cellulare per chiamare a casa. Arrivava tardi. Punto e basta. Alla peggio si beccava la strigliata dalla Mamma, nonostante la sua colpa fosse stata quella di essere stato trattenuto un po’ di più in ufficio, oppure, di aver trovato più traffico del solito. A onor del vero, quando io avviso mia moglie, sulla strada di ritorno verso casa, quella chiamata da cellulare non mi rende immune dalla sua ira, se così lei ha deciso… 🙂

Insomma, ciò che voglio dire e che condivido pienamente con Francesco è proprio questo. Riteniamo di avere molti problemi e siamo noi stessi a crearceli. Di contro, fatichiamo a renderci conto di quante fortune abbiamo; provate a metterle giù sotto forma di elenco, magari usando il quaderno magico! 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...